Genius Falcon 20 Installation Instructions Manual

Marca
Genius
Categoria
Gate Opener
Modello
Falcon 20
Tipo
Installation Instructions Manual
Falcon
AVVERTENZE PER L’INSTALLATORE
OBBLIGHI GENERALI PER LA SICUREZZA
1) ATTENZIONE! È importante per la sicurezza delle persone seguire attenta-
mente tutta l’istruzione. Una errata installazione o un errato uso del prodotto
può portare a gravi danni alle persone.
2) Leggere attentamente le istruzioni prima di iniziare l’installazione del prodot-
to.
3) I materiali dell’imballaggio (plastica, polistirolo, ecc.) non devono essere
lasciati alla portata dei bambini in quanto potenziali fonti di pericolo.
4) Conservare le istruzioni per riferimenti futuri.
5) Questo prodotto è stato progettato e costruito esclusivamente per l’utilizzo
indicato in questa documentazione. Qualsiasi altro utilizzo non espressamen-
te indicato potrebbe pregiudicare l’integrità del prodotto e/o rappresen-
tare fonte di pericolo.
6) GENIUS declina qualsiasi responsabilità derivata dall’uso improprio o diverso
da quello per cui l’automatismo è destinato.
7) Non installare l’apparecchio in atmosfera esplosiva: la presenza di gas o fumi
infiammabili costituisce un grave pericolo per la sicurezza.
8) Gli elementi costruttivi meccanici devono essere in accordo con quanto
stabilito dalle Norme EN 12604 e EN 12605.
Per i Paesi extra-CEE, oltre ai riferimenti normativi nazionali, per ottenere un
livello di sicurezza adeguato, devono essere seguite le Norme sopra riporta-
te.
9) GENIUS non è responsabile dell’inosservanza della Buona Tecnica nella co-
struzione delle chiusure da motorizzare, nonché delle deformazioni che
dovessero intervenire nell’utilizzo.
10) L’installazione deve essere effettuata nell’osservanza delle Norme EN 12453
e EN 12445. Il livello di sicurezza dell’automazione deve essere C+E.
11) Prima di effettuare qualsiasi intervento sull’impianto, togliere l’alimentazione
elettrica.
12) Prevedere sulla rete di alimentazione dell’automazione un interruttore
onnipolare con distanza d’apertura dei contatti uguale o superiore a 3 mm.
È consigliabile l’uso di un magnetotermico da 6A con interruzione onnipolare.
13) Verificare che a monte dell’impianto vi sia un interruttore differenziale con
soglia da 0,03 A.
14) Verificare che l’impianto di terra sia realizzato a regola d’arte e collegarvi
le parti metalliche della chiusura.
15) L’automazione dispone di una sicurezza intrinseca antischiacciamento co-
stituita da un controllo di coppia. E' comunque necessario verificarne la sogli
di intervento secondo quanto previsto dalle Norme indicate al punto 10.
16) I dispositivi di sicurezza (norma EN 12978) permettono di proteggere even-
tuali aree di pericolo da Rischi meccanici di movimento, come ad Es.
schiacciamento, convogliamento, cesoiamento.
17) Per ogni impianto è consigliato l’utilizzo di almeno una segnalazione lumino-
sa nonché di un cartello di segnalazione fissato adeguatamente sulla struttu-
ra dell’infisso, oltre ai dispositivi citati al punto “16”.
18) GENIUS declina ogni responsabilità ai fini della sicurezza e del buon funziona-
mento dell’automazione, in caso vengano utilizzati componenti dell’impian-
to non di produzione GENIUS.
19) Per la manutenzione utilizzare esclusivamente parti originali GENIUS.
20) Non eseguire alcuna modifica sui componenti facenti parte del sistema
d’automazione.
21) L’installatore deve fornire tutte le informazioni relative al funzionamento
manuale del sistema in caso di emergenza e consegnare all’Utente
utilizzatore dell’impianto il libretto d’avvertenze allegato al prodotto.
22) Non permettere ai bambini o persone di sostare nelle vicinanze del prodotto
durante il funzionamento.
23) Tenere fuori dalla portata dei bambini radiocomandi o qualsiasi altro datore
di impulso, per evitare che l’automazione possa essere azionata involonta-
riamente.
24) Il transito tra le ante deve avvenire solo a cancello completamente aperto.
25) L’Utente utilizzatore deve astenersi da qualsiasi tentativo di riparazione o
d’intervento diretto e rivolgersi solo a personale qualificato.
26) Tutto quello che non è previsto espressamente in queste istruzioni non è
permesso
CONSIGNES POUR L'INSTALLATEUR
RÈGLES DE SÉCURITÉ
1) ATTENTION! Il est important, pour la sécurité des personnes, de suivre à la
lettre toutes les instructions. Une installation erronée ou un usage erroné
du produit peut entraîner de graves conséquences pour les personnes.
2) Lire attentivement les instructions avant d'installer le produit.
3) Les matériaux d'emballage (matière plastique, polystyrène, etc.) ne doivent
pas être laissés à la portée des enfants car ils constituent des sources
potentielles de danger.
4) Conserver les instructions pour les références futures.
5) Ce produit a été conçu et construit exclusivement pour l'usage indiqué dans
cette documentation. Toute autre utilisation non expressément indiquée
pourrait compromettre l'intégrité du produit et/ou représenter une source
de danger.
6) GENIUS décline toute responsabilité qui dériverait d'usage impropre ou
différent de celui auquel l'automatisme est destiné.
7) Ne pas installer l'appareil dans une atmosphère explosive: la présence de
gaz ou de fumées inflammables constitue un grave danger pour la sécurité.
8) Les composants mécaniques doivent répondre aux prescriptions des Normes
EN 12604 et EN 12605.
Pour les Pays extra-CEE, l'obtention d'un niveau de sécurité approprié exige
non seulement le respect des normes nationales, mais également le respect
des Normes susmentionnées.
9) GENIUS n'est pas responsable du non-respect de la Bonne Technique dans la
construction des fermetures à motoriser, ni des déformations qui pourraient
intervenir lors de l'utilisation.
10) L'installation doit être effectuée conformément aux Normes EN 12453 et EN
12445. Le niveau de sécurité de l'automatisme doit être C+E.
11) Couper l'alimentation électrique avant toute intervention sur l'installation.
12) Prévoir, sur le secteur d'alimentation de l'automatisme, un interrupteur
omnipolaire avec une distance d'ouverture des contacts égale ou supérieure
à 3 mm. On recommande d'utiliser un magnétothermique de 6A avec
interruption omnipolaire.
13) Vérifier qu'il y ait, en amont de l'installation, un interrupteur différentiel avec
un seuil de 0,03 A.
14) Vérifier que la mise à terre est réalisée selon les règles de l'art et y connecter
les pièces métalliques de la fermeture.
15) L'automatisme dispose d'une sécurité intrinsèque anti-écrasement, formée
d'un contrôle du couple. Il est toutefois nécessaire d'en vérifier le seuil
d'intervention suivant les prescriptions des Normes indiquées au point 10.
16) Les dispositifs de sécurité (norme EN 12978) permettent de protéger des
zones éventuellement dangereuses contre les Risques mécaniques du
mouvement, comme l'écrasement, l'acheminement, le cisaillement.
IMPORTANT NOTICE FOR THE INSTALLER
GENERAL SAFETY REGULATIONS
1) ATTENTION! To ensure the safety of people, it is important that you read
all the following instructions. Incorrect installation or incorrect use of the
product could cause serious harm to people.
2) Carefully read the instructions before beginning to install the product.
3) Do not leave packing materials (plastic, polystyrene, etc.) within reach of
children as such materials are potential sources of danger.
4) Store these instructions for future reference.
5) This product was designed and built strictly for the use indicated in this
documentation. Any other use, not expressly indicated here, could compro-
mise the good condition/operation of the product and/or be a source of
danger.
6) GENIUS declines all liability caused by improper use or use other than that for
which the automated system was intended.
7) Do not install the equipment in an explosive atmosphere: the presence of
inflammable gas or fumes is a serious danger to safety.
8) The mechanical parts must conform to the provisions of Standards EN 12604
and EN 12605.
For non-EU countries, to obtain an adequate level of safety, the Standards
mentioned above must be observed, in addition to national legal regulations.
9) GENIUS is not responsible for failure to observe Good Technique in the
construction of the closing elements to be motorised, or for any deformation
that may occur during use.
10) The installation must conform to Standards EN 12453 and EN 12445. The safety
level of the automated system must be C+E.
11) Before attempting any job on the system, cut out electrical power.
12) The mains power supply of the automated system must be fitted with an all-
pole switch with contact opening distance of 3mm or greater. Use of a 6A
thermal breaker with all-pole circuit break is recommended.
13) Make sure that a differential switch with threshold of 0.03 A is fitted upstream
of the system.
14) Make sure that the earthing system is perfectly constructed, and connect
metal parts of the means of the closure to it.
15) The automated system is supplied with an intrinsic anti-crushing safety device
consisting of a torque control. Nevertheless, its tripping threshold must be
checked as specified in the Standards indicated at point 10.
16) The safety devices (EN 12978 standard) protect any danger areas against
mechanical movement Risks, such as crushing, dragging, and shearing.
17) Use of at least one indicator-light is recommended for every system, as well
as a warning sign adequately secured to the frame structure, in addition to
the devices mentioned at point “16”.
18) GENIUS declines all liability as concerns safety and efficient operation of the
automated system, if system components not produced by GENIUS are used.
19) For maintenance, strictly use original parts by GENIUS.
20) Do not in any way modify the components of the automated system.
21) The installer shall supply all information concerning manual operation of the
system in case of an emergency, and shall hand over to the user the warnings
handbook supplied with the product.
22) Do not allow children or adults to stay near the product while it is operating.
23) Keep remote controls or other pulse generators away from children, to
prevent the automated system from being activated involuntarily.
24) Transit through the leaves is allowed only when the gate is fully open.
25) The user must not attempt any kind of repair or direct action whatever and
contact qualified personnel only.
26) Anything not expressly specified in these instructions is not permitted.
1
ITALIANO
AUTOMAZIONE FALCON
Fig. 1
1) Piastra di fondazione
2) Motoriduttore
3) Contenitore per apparec-
chiatura (versioni "C")
4) Apparecchiatura elettronica
(versioni "C")
Le presenti istruzioni sono valide per i seguenti modelli:
FALCON 14 - FALCON 14C - FALCON 20- FALCON 20C - FALCON 15 -
FALCON 15 C - FALCON 20 3PH
Il motoriduttore FALCON per cancelli scorrevoli è un operatore
elettromeccanico che trasmette il movimento all’anta scorrevole tramite
un pignone a cremagliera o catena accoppiato opportunamente al
cancello.
Il sistema irreversibile garantisce il blocco meccanico del cancello quando
il motore non è in funzione e quindi non occorre installare alcuna serratura.
Il motoriduttore non è dotato di una frizione meccanica e quindi necessita
di una apparecchiatura di comando con frizione elettronica regolabile
che garantisce la necessaria sicurezza antischiacciamento.
Un comodo sblocco manuale a chiave personalizzata rende manovrabile
il cancello in caso di black-out o disservizio.
Nei motoriduttori versione "C" l’apparecchiatura elettronica di comando
è alloggiata all'interno dell'operatore.
Il motoriduttore FALCON è stato progettato e costruito per controllare
l’accesso veicolare. Evitare qualsiasi altro diverso utilizzo.
1. DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE
3. CURVA DI MASSIMO UTILIZZO
La curva consente di
individuare il tempo massimo
di lavoro (T) in funzione della
frequenza di utilizzo (F).
Con riferimento alla Norma
IEC 34-1, il motoriduttore
FALCON con un tipo di servizio
S3, può funzionare alla
frequenza d'utilizzo del 40%.
Per garantire il buon
funzionamento è necessario
operare nel campo di lavoro
sotto la curva.
Importante: La curva è
ottenuta alla temperatura di
20 °C. L’esposizione
all’irraggiamento solare
diretto può determinare
diminuzioni della frequenza
d’utilizzo fino al 20%.
Calcolo della frequenza
d’utilizzo
E’ la percentuale del tempo di
lavoro effettivo (apertura +
chiusura) rispetto al tempo
totale del ciclo (apertura +
chiusura + tempi sosta).
La formula di calcolo è la seguente:
Ta + Tc
% F =
X 100
Ta + Tc + Tp + Ti
dove:
Ta = tempo di apertura
Tc = tempo di chiusura
Tp = tempo di pausa
Ti = tempo di intervallo tra un ciclo completo e l’altro
4. PREDISPOSIZIONI ELETTRICHE (impianto standard)
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
0
12345678910
10 11 12
Percentuale
d
i lav. %
Tiem
p
o
(
h
)
% Duty cycle
% Fréquence
d'utilisation
% Benutzungs-
frequenz
% Frecuencia
de utilización
Zeit
(
Std.
)
Tem
p
s
(
h
)
Time
(
h
)
Tem
p
o
(
h
)
1) Operatore con apparecchiatura
2) Fotocellule
3) Pulsante a chiave
4) Lampeggiatore
5) Ricevente radio
Fig. 3
Fig. 2
Le quote sono espresse in mm.
2. DIMENSIONI
168
225
Grafico frequenza d’utilizzo
5) Finecorsa meccanico
6) Pignone
7) Sblocco a chiave
8) Asole e dadi di fissaggio
9) Protezioni laterali
10) Coperchio motore
NOCLAFOLLEDOM
41
C41
02
C02
51
C51
hP302
)%01-%6+(enoizatnemilA
~V032
zH05
~V511
zH06
~V004
zH05
)W(atibrossaaznetoP
056008017048
)A(atibrossaetnerroC 8.25.37.62.2
)nim/g(ocirtteleerotoM 004100710041
)Fµ(otnupsiderotasnednoC 610206-
)Na
d(enongiplusatnipS 011051031581
)mN(aippoC 53548306
)C°(otnemiglovvaenoizetorpomreT 041-
)gK(.xamatnaoseP 00410002005
10002
enongipidopiT 4oludom61Z
)nim/m(ollecnacledàticoleV 011101
)m(ollecnac.xamazzehgnuL 02
asrocenifidopiT oci
naccem
enoizirF
idev(acinorttele
)arutaihccerappa
ozzilituidazneuqerF)ocifargidev( %04-3S
-3S
%05
)C°(etneibma
arutarepmeT 55+÷02-
)gK(erottudirotomoseP 4151
enoizetorpidodarG 44PI
erottudirotomorbmognI
)mm(HxPxL
2.gifide
v
2
ITALIANO
Fig. 4
Fig. 5
Fig. 6
Fig. 7
3) Eseguire un plinto di fondazione come da Fig.7 e murare la piastra di
fondazione prevedendo una o più guaine per il passaggio dei cavi
elettrici. Verificare la perfetta orizzontalità della piastra con una livella.
Attendere che il cemento faccia presa.
4) Predisporre i cavi elettrici per il collegamento con gli accessori e
l’alimentazione elettrica come da Fig.3.
Per effettuare agevolmente i collegamenti fare fuoriuscire i cavi circa
40 cm dal foro (Figg.5-6 rif.1) della piastra di fondazione.
5. INSTALLAZIONE DELL’AUTOMAZIONE
5.1. VERIFICHE PRELIMINARI
Per la sicurezza e per un corretto funzionamento dell’automazione,
verificare l’esistenza dei seguenti requisiti:
La struttura del cancello deve essere idonea per essere automatizzata.
In particolare si richiede che il diametro delle ruote sia rapportato al
peso del cancello da automatizzare, che sia presente una guida
superiore e vi siano degli arresti meccanici di finecorsa per evitare
deragliamenti del cancello.
Le caratteristiche del terreno devono garantire una sufficiente tenuta
del plinto di fondazione.
Nella zona di scavo del plinto non devono essere presenti tubazioni
o cavi elettrici.
Se il motoriduttore si trova esposto al passaggio di veicoli, possibil-
mente prevedere adeguate protezioni contro urti accidentali.
Verificare l’esistenza di una efficiente presa di terra per il collegamento
del motoriduttore.
5.2. MURATURA DELLA PIASTRA DI FONDAZIONE
1) Assemblare la piastra di fondazione
come da Fig.4.
2) La piastra di fondazione deve essere
posizionata come da Fig.5 (chiusura
destra) o Fig.6 (chiusura sinistra) per
garantire il corretto ingranamento tra
il pignone e la cremagliera.
Attenzione: Nel posizionare la piastra
lasciare il foro Ø 80 previsto per il passaggio
guaine a sinistra, come in Figg. 5-6 rif. A.
Fig. 8
2) Collocare l'operatore sulla piastra
utilizzando le rondelle e i dadi in
dotazione come da Fig.9.
Durante tale operazione fare passa-
re i cavi attraverso l'apposita fessura
presente nel corpo riduttore dell'ope-
ratore (Fig.9 rif.A).
3) Registrare l’altezza dei piedini e la
distanza dal cancello facendo rife-
rimento a Fig.10. Nota bene: opera-
zione necessaria per il corretto fis-
saggio della cremagliera e per con-
servare in futuro la possibilità di ese-
guire eventuali nuove regolazioni in
altezza del motore.
Fig. 9
270
90
°
65
0
÷
50
A
270
90
°
65
0
÷
50
5.3. INSTALLAZIONE MECCANICA
1) Togliere il coperchio motore svitando completamente le 2 viti di
fissaggio superiori (Fig.8 rif.A), ruotare il coperchio di circa 30° ed
estrarlo verticalmente. Sfilare le 2 protezioni laterali (Fig.8 rif.B).
4) Fissare il motoriduttore sulla piastra di fondazione stringendo i dadi
come da Fig.11.
5) Predisporre l’operatore per il funzionamento manuale come da
paragrafo 8.
A
Fig. 10
Fig. 11
3
ITALIANO
5.4. MONTAGGIO DELLA CREMAGLIERA
5.4.1. CREMAGLIERA DI ACCIAIO A SALDARE (Fig.12)
1) Montare i tre nottolini filettati sul-
l’elemento della cremagliera po-
sizionandoli nella parte superiore
dell’asola. In tale modo il gioco
sull’asola consentirà nel tempo le
eventuali regolazioni.
2) Portare manualmente l’anta in po-
sizione di chiusura.
3) Appoggiare sul pignone il primo
pezzo di cremagliera a livello e
saldare il nottolino filettato sul can-
cello come indicato in Fig.14.
4) Muovere manualmente il cancel-
lo, verificando che la cremagliera sia in appoggio sul pignone e
saldare il secondo e il terzo nottolino.
5) Accostare un altro elemento di cremagliera al precedente utilizzando,
per mettere in fase la dentatura dei due elementi, un pezzo di
cremagliera come indicato in Fig.15.
6) Muovere manualmente il cancello e saldare i tre nottolini filettati
proseguendo fino alla copertura completa del cancello.
5.4.2. CREMAGLIERA DI ACCIAIO AD AVVITARE (Fig. 13)
1) Portare manualmente l’anta in po-
sizione di chiusura.
2) Appoggiare sul pignone il primo
pezzo di cremagliera a livello ed
interporre il distanziale tra crema-
gliera e cancello, posizionandolo
nella parte superiore dell'asola.
3) Segnare il punto di foratura sul
cancello. Forare Ø 6,5 mm e filet-
tare con maschio da M8. Avvitare
il bullone.
4) Muovere manualmente il cancel-
lo, verificando che la cremagliera
sia in appoggio sul pignone e ripetere le operazioni al punto 3.
5) Accostare un altro elemento di cremagliera al precedente utilizzando,
per mettere in fase la dentatura dei due elementi, un pezzo di
cremagliera come indicato in Fig.15.
6) Muovere manualmente il cancello e procedere nelle operazioni di
fissaggio come per il primo elemento, proseguendo fino alla coper-
tura completa del cancello.
Note sull'installazione della cremagliera
Verificare che durante la corsa del
cancello tutti gli elementi della crema-
gliera non vadano fuori dal pignone.
Non saldare assolutamente gli elemen-
ti della cremagliera nè ai distanziali nè
tra di loro .
Terminata l’installazione della crema-
gliera, per garantire un corretto ingra-
namento con il pignone, è opportuno
abbassare di circa 1,5 mm (Fig.16) la
posizione del motoriduttore.
Verificare manualmente che il cancel-
lo raggiunga regolarmente le battute
di arresto meccaniche di finecorsa e
che non vi siano attriti durante la corsa.
Non utilizzare grasso o altri prodotti
lubrificanti tra pignone e cremagliera.
6. MESSA IN FUNZIONE
6.1. COLLEGAMENTO SCHEDA ELETTRONICA
Prima di effettuare qualsiasi tipo di intervento sulla scheda (collegamenti,
programmazione, manutenzione) togliere sempre l’alimentazione elettrica.
Seguire i punti 10, 11, 12, 13,14 degli OBBLIGHI GENERALI PER LA
SICUREZZA.
Seguendo le indicazioni di Fig.3 predisporre i cavi nelle canalizzazioni ed
effettuare i collegamenti elettrici con gli accessori prescelti.
Separare sempre i cavi di alimentazione da quelli di comando e di
sicurezza (pulsante, ricevente, fotocellule ecc.). Per evitare qualsiasi
disturbo elettrico utilizzare guaine separate.
6.1.1. MESSA A TERRA
Collegare il cavo di messa a terra come in Fig. 17 rif.A
6.1.2. APPARECCHIATURA ELETTRONICA
Nei motoriduttori versione "C" l’apparecchiatura elettronica di comando
è fissata ad un supporto orientabile con coperchio trasparente.
Sul coperchio sono stati posizionati i pulsanti di programmazione della
scheda, questo permette di eseguire la programmazione della scheda
senza dover rimuovere il coperchio.
Per collegare correttamente la centrale attenersi a quanto riportato nelle
specifiche istruzioni.
Fig. 13
Fig. 12
Fig. 14
Fig. 15
Fig. 16
1.5
Fig. 17
6.2. POSIZIONAMENTO DEI FINECORSA
L’operatore è dotato di un finecorsa meccanico con leva a molla, che
comanda l’arresto del moto del cancello nel momento in cui un lamierino
sagomato, fissato sulla parte superiore della cremagliera, aziona la molla
fino all’intervento del microinterruttore.
Per posizionare correttamente i due lamierini di finecorsa in dotazione,
agire come segue:
1) Montare e fissare i 2 lamierini sagomati sui 2 supporti ad U con dadi
e rondelle in dotazione, come in Fig. 18
2) Predisporre l’operatore per il funzionamento manuale come da
paragrafo 8.
3) Alimentare il sistema.
Fig. 18
4
ITALIANO
6) Fissaggio del finecorsa di chiusura: portare manualmente il cancello
in posizione di chiusura lasciando 2 cm dall’arresto meccanico di
finecorsa.
7) Fare scorrere il lamierino sulla cremagliera nel senso di chiusura
(Fig.20).
Appena il led del finecorsa di chiusura presente sull’apparecchiatura
elettronica si spegne, fare avanzare il lamierino di circa 20÷30 mm e
fissarlo provvisoriamente sulla cremagliera con le viti in dotazione.
Importante:
a) Il lamierino deve attivare il finecorsa sulla parte sagomata come da
Fig.21.
b) Per evitare che il lamierino possa superare il finecorsa (frenata lunga
o rallentamento) è consigliabile raddrizzare la parte sagomata finale.
8) Ribloccare il sistema (vedi paragrafo 9).
Fig. 20
Fig. 21
Importante: Prima di inviare un’impulso assicurarsi che il cancello non si
possa muovere manualmente.
9) Comandare un ciclo completo del cancello per verificare il corretto
intervento del finecorsa.
Attenzione: Per evitare danneggiamenti dell’operatore e/o interruzioni del
funzionamento dell’automazione è necessario lasciare circa 2 cm dagli
arresti meccanici di finecorsa.
10) Apportare le opportune modifiche alla posizione dei lamierini di
finecorsa e fissarli definitivamente sulla cremagliera.
7. PROVA DELL’AUTOMAZIONE
Terminata l’installazione, fissare il coperchio dell'apparecchiatura con le
apposite viti e riposizionare il supporto nella sede prevista.
Inserire le protezioni laterali e riposizionare il coperchio motore fissandolo
con le apposite viti (Fig. 22)
Fig. 22
Fig. 23
Applicare l’adesivo di segnalazione
pericolo sulla parte superiore del
coperchio (Fig.23).
Procedere alla verifica funzionale
accurata dell’automazione e di tutti
gli accessori ad essa collegati.
Consegnare al Cliente la ”Guida per
l'utente”, illustrare il corretto
funzionamento e utilizzo del
motoriduttore ed evidenziare le zone
di potenziale pericolo
dell’automazione.
8. FUNZIONAMENTO MANUALE
Nel caso sia necessario azionare manualmente il cancello a causa di
mancanza di alimentazione elettrica o disservizio dell’automazione, è
necessario agire sul dispositivo di sblocco come segue:
1) Inserire l'apposita chiave in dotazione nella serratura e ruotarla in
senso orario come indicato in Fig.24.
2) Ruotare il sistema di sblocco in senso orario di circa 180°, come
indicato in Fig.24.
3) Effettuare manualmente la manovra di apertura o chiusura.
9. RIPRISTINO DEL FUNZIONAMENTO NORMALE
Per evitare che un impulso involontario possa azionare il cancello durante
la manovra , prima di ribloccare l’operatore, togliere alimentazione
all’impianto.
1) Ruotare il sistema di sblocco in senso antiorario di circa 180°, come
indicato in Fig.25.
2) Ruotare la chiave in senso antiorario ed estrarla dalla serratura, come
indicato in Fig.25.
3) Muovere il cancello fino all’ingranamento dello sblocco.
Fig. 24
Fig. 25
2
1
3
2
1
3
Fig. 19
4) Fissaggio del finecorsa di apertura : portare manualmente il cancello
in posizione d’apertura lasciando 2 cm dall’arresto meccanico di
finecorsa.
5) Fare scorrere il lamierino sulla cremagliera nel senso d’apertura
(Fig.19).
Appena il led del finecorsa di apertura presente sull’apparecchiatura
elettronica si spegne, fare avanzare il lamierino di circa 20÷30 mm e
fissarlo provvisoriamente sulla cremagliera con le viti in dotazione.
10.APPLICAZIONI PARTICOLARI
Non sono previste applicazioni particolari.
11.MANUTENZIONE
In occasione delle manutenzioni verificare sempre la corretta taratura
della frizione antischiacciamento e il corretto funzionamento dei dispositivi
di sicurezza.
12.RIPARAZIONI
Per eventuali riparazioni, rivolgersi ai Centri di Riparazione autorizzati.
Falcon
Fig. 1
2
1
3
Fig. 2
2
1
3
AUTOMAZIONE FALCON
Leggere attentamente le istruzioni prima di utilizzare il
prodotto e conservarle per eventuali necessità future.
NORME GENERALI DI SICUREZZA
L'automazione FALCON, se correttamente installata ed
utilizzata, garantisce un elevato grado di sicurezza.
Alcune semplici norme di comportamento possono evitare
inoltre inconvenienti accidentali:
Non sostare e non permettere a bambini, persone o cose
di sostare nelle vicinanze dell’automazione, evitandolo
ancor più durante il funzionamento.
Tenere fuori dalla portata dei bambini, radiocomandi o
qualsiasi altro datore d’impulso che possa azionare invo-
lontariamente l’automazione.
Non permettere ai bambini di giocare con l’automazione.
Non contrastare volontariamente il movimento del can-
cello.
Evitare che rami o arbusti possano interferire con il movi-
mento del cancello.
Mantenere efficienti e ben visibili i sistemi di segnalazione
luminosa.
Non tentare di azionare manualmente il cancello se non
dopo averlo sbloccato.
In caso di malfunzionamenti, sbloccare il cancello per
consentire l’accesso ed attendere l’intervento tecnico di
personale qualificato.
Una volta predisposto il funzionamento manuale, prima di
ripristinare il funzionamento normale, togliere alimentazio-
ne elettrica all’impianto.
Non eseguire alcuna modifica sui componenti facenti
parte del sistema d’automazione.
Astenersi da qualsiasi tentativo di riparazione o d’interven-
to diretto e rivolgersi solo a personale qualificato.
Far verificare almeno semestralmente l’efficienza dell’au-
tomazione, dei dispositivi di sicurezza e del collegamento
di terra da personale qualificato.
DESCRIZIONE
L'automazione FALCON è ideale per il controllo di aree di
accesso veicolare a media frequenza di transito.
L'automazione FALCON per cancelli scorrevoli è un operatore
elettromeccanico che trasmette il movimento all’anta
scorrevole tramite un pignone a cremagliera o catena
accoppiato opportunamente al cancello .
Il funzionamento del cancello scorrevole è gestito da una
ITALIANO
apparecchiatura elettronica di comando alloggiata all'interno
dell'operatore o in un contenitore da esterno a tenuta stagna.
Quando l'apparecchiatura, a cancello chiuso, riceve un
comando di apertura tramite radiocomando o qualsiasi altro
dispositivo idoneo, aziona il motore fino a raggiungere la
posizione di apertura.
Se è stato impostato il funzionamento automatico, il cancello
si richiude da solo dopo il tempo di pausa selezionato.
Se è stato impostato il funzionamento semiautomatico, è
necessario inviare un secondo impulso per ottenere la
richiusura.
Un impulso di apertura dato durante la fase di richiusura,
provoca sempre l’inversione del movimento.
Un impulso di stop (se previsto) arresta sempre il movimento.
Per il dettagliato comportamento del cancello scorrevole
nelle diverse logiche di funzionamento, fare riferimento al
Tecnico installatore.
Nelle automazioni sono presenti dispositivi di sicurezza
(fotocellule, coste) che impediscono la chiusura del cancello
quando un ostacolo si trova nella zona da loro protetta.
Il sistema garantisce il blocco meccanico quando il motore
non è in funzione e quindi non occorre installare alcuna
serratura.
L’apertura manuale è quindi possibile solo intervenendo
sull’apposito sistema di sblocco.
Il motoriduttore non è dotato di frizione meccanica, è quindi
abbinato ad una apparecchiatura con frizione elettronica
che offre la necessaria sicurezza antischiacciamento se
l'impianto è completato con i necessari dispositivi per il controllo
della sicurezza.
Un comodo sblocco manuale a chiave personalizzata rende
manovrabile il cancello in caso di black-out o disservizio.
La segnalazione luminosa indica il movimento in atto del
cancello.
FUNZIONAMENTO MANUALE
Nel caso sia necessario azionare manualmente il cancello a
causa di mancanza di alimentazione elettrica o disservizio
dell’automazione, è necessario agire sul dispositivo di sblocco
come segue:
1) Inserire l'apposita chiave in dotazione nella serratura e
ruotarla in senso orario come indicato in Fig.1.
2) Ruotare il sistema di sblocco in senso orario di circa 180°,
come indicato in Fig.1.
3) Effettuare manualmente la manovra di apertura o chiusu-
ra.
Istruzioni per l'uso - Instructions for use - Instructions pour l'usager
- Instrucciones para el uso - Gebrauchsanleitung
I0078 REV.4
GENIUS S.p.A.
Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO-ITALY
tel. 0039.035.4242511
fax. 0039.035.4242600
www.geniusg.com
Timbro rivenditore: / Distributor’s stamp: / Timbre de l’agent: /
Sello del revendedor: / Fachhändlerstempel:
Le descrizioni e le illustrazioni del presente manuale non sono
impegnative. GENIUS si riserva il diritto, lasciando inalterate le
caratteristiche essenziali dell’apparecchiatura, di apportare in
qualunque momento e senza impegnarsi ad aggiornare la
presente pubblicazione, le modifiche che essa ritiene conve-
nienti per miglioramenti tecnici o per qualsiasi altra esigenza di
carattere costruttivo o commerciale.
The descriptions and illustrations contained in the present
manual are not binding. GENIUS reserves the right, whils leav-
ing the main features of the equipments unaltered, to under-
take any modifications to holds necessary for either technical
or commercial reasons, at any time and without revising the
present publication.
Les descriptions et les illustrations du présent manuel sont
fournies à titre indicatif. GENIUS se réserve le droit d’apporter à
tout moment les modifications qu’elle jugera utiles sur ce
produit tout en conservant les caractéristiques essentielles,
sans devoir pour autant mettre à jour cette publication .
Las descripciones y las ilustraciones de este manual no
comportan compromiso alguno. GENIUS se reserva el derecho,
dejando inmutadas las caracterÌsticas esenciales de los
aparatos, de aportar, en cualquier momento y sin
comprometerse a poner al dÌa la presente publicaciÛn, todas
las modificaciones que considere oportunas para el
perfeccionamiento tÈcnico o para cualquier otro tipo de
exigencia de carcter constructivo o comercial.
Die Beschreibungen und Abbildungen in vorliegendem
Handbuch sind unverbindlich. GENIUS beh‰lt sich das Recht
vor, ohne die wesentlichen Eigenschaften dieses Ger‰tes zu
ver‰ndern und ohne Verbindlichkeiten in Bezung auf die
Neufassung der vorliegenden Anleitungen, technisch bzw,
konstruktiv / kommerziell bedingte Verbesserungen
vorzunehmen.
DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÁ PER MACCHINE
(DIRETTIVA 89/392 CEE, ALLEGATO II, PARTE B)
Fabbricante: GENIUS S.p.A.
Indirizzo: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIA
Dichiara che: L'Attuatore mod. FALCON
• è costruito per essere incorporato in una macchina o per
essere assemblato con altri macchinari per costituire una
macchina ai sensi della Direttiva 89/392 CEE, e successive
modifiche 91/368/CEE, 93/44/CEE, 93/68/CEE;
• è conforme ai requisiti essenziali di sicurezza delle seguenti
altre direttive CEE:
73/23 CEE e successiva modifica 93/68/CEE.
89/336 CEE e successiva modifica 92/31 CEE e 93/68/CEE
Grassobbio, 01-06-2005
L’Amministratore Delegato
D. Gianantoni
EC MACHINE DIRECTIVE COMPLIANCE DECLARATION
(DIRECTIVE 89/392 EEC, APPENDIX II, PART B)
Manufacturer: GENIUS S.p.A.
Address: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALY
Hereby declares that: the FALCON
•is intended to be incorporated into machinery, or to be
assembled with other machinery to constitute machinery in
compliance with the requirements of Directive 89/392 EEC,
and subsequent amendments 91/368 EEC, 93/44 EEC and 93/
68 EEC;
•complies with the essential safety requirements in the
following EEC Directives:
73/23 EEC and subsequent amendment 93/68 EEC.
89/336 EEC and subsequent amendments 92/31 EEC and
93/68 EEC.
Grassobbio, 01-06-2005
Managing Director
D. Gianantoni
DÉCLARATION CE DE CONFORMITÉ
(DIRECTIVE EUROPÉENNE "MACHINES" 89/392/CEE,
ANNEXE II, PARTIE B)
Fabricant: GENIUS S.p.A.
Adresse: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIE
Déclare d’une part que l'automatisme mod. FALCON
•est prévue soit pour être incorporée dans une machine, soit
pour être assemblée avec d’autres composants ou parties en
vue de former une machine selon la directivee européenne
"machines" 89/392 CEE, modifiée 91/368CEE, 93/44 CEE, 93/68
CEE.
•satisfait les exigences essentielles de sécurité des directives
CEE suivantes:
73/23 CEE, modifiée 93/68 CEE.
89/336 CEE, modifiée 92/31 CEE et 93/68 CEE.
quíil est formellement interdit de mettre en fonction l'automatisme
en question avant que la machine dans laquelle il sera intÈgrÈe ou
dont il constituera un composant ait ÈtÈ identifiÈe et dÈclarÈe
conforme aux exigences essentielles de la directive europÈenne
"machines" 89/392/CEE, et dÈcrets de transposition de la directive.
Grassobbio, le 01-06-2005
LíAdministrateur DÈlÈguÈ
D. Gianantoni
DECLARACIÓN DE CONFORMIDAD CE PARA MÁQUINAS
(DIRECTIVA 89/392 CEE, ANEXO II, PARTE B)
Fabricante: GENIUS S.p.A.
Dirección: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIA
Declara que: El equipo automático mod. FALCON
•Ha sido construido para ser incorporado en una máquina, o
para ser ensamblado con otros mecanismos a fin de constituir
una máquina con arreglo a la Directiva 89/392 CEE y a sus
sucesivas modificaciones 91/368 CEE, 93/44 CEE y 93/68 CEE.
ïCumple los requisitos esenciales de seguridad establecidos
por las siguientes directivas CEE:
73/23 CEE y sucesiva modificación 93/68 CEE,
89/336 CEE y sucesivas modificaciones 92/31 CEE y
93/68 CEE.
Asimismo, declara que no está permitido poner en marcha el
equipo si la máquina en la cual será incorporado, o de la cual
se convertirá en un componente, no ha sido identificada o
no ha sido declarada su conformidad a lo establecido por la
Directiva 89/392 CEE y sus sucesivas modificaciones, y a la ley
que la incorpora en la legislación nacional.
Grassobbio, 01-06-2005
Administrador Delegado
D. Gianantoni
EG-KONFORMITÄTSERKLÄRUNG ZU MASCHINEN
(GEMÄß EG-RICHTLINIE 89/392/EWG, ANHANG II, TEIL B)
Hersteller: GENIUS S.p.A.
Adresse: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIEN
erklärt hiermit, daß: der Antrieb Mod. FALCON
•zum Einbau in eine Maschine oder mit anderen Maschinen
zu einer Maschine im Sinne der Richtlinie 89/392 EWG und
deren Änderungen 91/368 EWG, 93/44 EWG, 93/68 EWG
vorgesehen ist.
•den wesentlichen Sicherheitsbestimmungen folgender
anderer EG-Richtlinien entspricht:
73/23 EWG und nachträgliche Änderung 93/68 EWG
89/336 EWG und nachträgliche Änderung 92/31 EWG sowie
93/68 EWG
und erklärt außerdem, daß die Inbetriebnahme solange
untersagt ist, bis die Maschine, in welche diese Maschine
eingebaut wird oder von der sie ein Bestandteil ist, den
Bestimmungen der Richtlinie 89/392 EWG sowie deren
nachträglichen Änderungen entspricht.
Grassobbio, 01-06-2005
Der Gesch‰ftsf¸hrer
D. Gianantoni
e inoltre dichiara che non è consentito mettere in servizio il
macchinario fino a che la macchina in cui sarà incorporata
o di cui diverrà componente sia stata identificata e ne sia
stata dichiarata la conformità alle condizioni della Direttiva
89/392/CEE e successive modifiche trasposta nella legislazione
nazionale dal DPR n° 459 del 24 Luglio 1996.
and furthermore declares that unit must not be put into
service until the machinery into which it is incorporated or of
which it is a component has been identified and declared to
be in conformity with the provisions of Directive 89/392 ECC
and subsequent amendments enacted by the national
implementing legislation.
/

in altre lingue

Questo manuale è adatto anche per