Genius BRAIN03 BRAIN04 Istruzioni per l'uso

Marca
Genius
Modello
BRAIN03 BRAIN04
Tipo
Istruzioni per l'uso
AVVERTENZE PER L’INSTALLATORE
OBBLIGHI GENERALI PER LA SICUREZZA
1) ATTENZIONE! È importante per la sicurezza delle persone seguire attentamente
tutta l’istruzione. Una errata installazione o un errato uso del prodotto può
portare a gravi danni alle persone.
2)
Leggere attentamente le istruzioni prima di iniziare l’installazione del prodotto.
3) I materiali dell’imballaggio (plastica, polistirolo, ecc.) non devono essere lasciati
alla portata dei bambini in quanto potenziali fonti di pericolo.
4) Conservare le istruzioni per riferimenti futuri.
5) Questo prodotto è stato progettato e costruito esclusivamente per l’utilizzo
indicato in questa documentazione. Qualsiasi altro utilizzo non espressamente
indicato potrebbe pregiudicare l’integrità del prodotto e/o rappresentare fonte
di pericolo.
6) GENIUS declina qualsiasi responsabilità derivata dall’uso improprio o diverso da
quello per cui l’automatismo è destinato.
7) Non installare l’apparecchio in atmosfera esplosiva: la presenza di gas o fumi
infiammabili costituisce un grave pericolo per la sicurezza.
8) Gli elementi costruttivi meccanici devono essere in accordo con quanto stabilito
dalle Norme EN 12604 e EN 12605.
Per i Paesi extra-CEE, oltre ai riferimenti normativi nazionali, per ottenere un
livello di sicurezza adeguato, devono essere seguite le Norme sopra riportate.
9) GENIUS non è responsabile dell’inosservanza della Buona Tecnica nella costruzio-
ne delle chiusure da motorizzare, nonché delle deformazioni che dovessero
intervenire nell’utilizzo.
10) L’installazione deve essere effettuata nell’osservanza delle Norme EN 12453 e EN
12445. Il livello di sicurezza dell’automazione deve essere C+D.
11) Prima di effettuare qualsiasi intervento sull’impianto, togliere l’alimentazione
elettrica e scollegare le batterie.
12) Prevedere sulla rete di alimentazione dell’automazione un interruttore onnipo-
lare con distanza d’apertura dei contatti uguale o superiore a 3 mm. È
consigliabile l’uso di un magnetotermico da 6A con interruzione onnipolare.
13) Verificare che a monte dell’impianto vi sia un interruttore differenziale con soglia
da 0,03 A.
14) Verificare che l’impianto di terra sia realizzato a regola d’arte e collegarvi le parti
metalliche della chiusura.
15) L’automazione dispone di una sicurezza intrinseca antischiacciamento costitu-
ita da un controllo di coppia. E' comunque necessario verificarne la sogli di
intervento secondo quanto previsto dalle Norme indicate al punto 10.
16) I dispositivi di sicurezza (norma EN 12978) permettono di proteggere eventuali
aree di pericolo da Rischi meccanici di movimento, come ad Es. schiacciamen-
to, convogliamento, cesoiamento.
17) Per ogni impianto è consigliato l’utilizzo di almeno una segnalazione luminosa
nonché di un cartello di segnalazione fissato adeguatamente sulla struttura
dell’infisso, oltre ai dispositivi citati al punto “16”.
18) GENIUS declina ogni responsabilità ai fini della sicurezza e del buon funzionamen-
to dell’automazione, in caso vengano utilizzati componenti dell’impianto non di
produzione GENIUS.
19) Per la manutenzione utilizzare esclusivamente parti originali GENIUS.
20) Non eseguire alcuna modifica sui componenti facenti parte del sistema
d’automazione.
21) L’installatore deve fornire tutte le informazioni relative al funzionamento
manuale del sistema in caso di emergenza e consegnare all’Utente utilizzatore
dell’impianto il libretto d’avvertenze allegato al prodotto.
22) Non permettere ai bambini o persone di sostare nelle vicinanze del prodotto
durante il funzionamento.
23) Tenere fuori dalla portata dei bambini radiocomandi o qualsiasi altro datore di
impulso, per evitare che l’automazione possa essere azionata involontariamen-
te.
24) Il transito tra le ante deve avvenire solo a cancello completamente aperto.
25) L’Utente utilizzatore deve astenersi da qualsiasi tentativo di riparazione o
d’intervento diretto e rivolgersi solo a personale qualificato.
26) Non mettere in corto circuito i poli delle batterie e non tentare di ricaricarle con
alimentatori diversi dalle schede Master o Slave.
27) Non gettare le batterie esauste nei rifiuti ma smaltirle utilizzando gli appositi
contenitori per consentirne il riciclaggio. I costi di smaltimento sono già stati pagati
dalla casa costruttrice.
28) Tutto quello che non è previsto espressamente in queste istruzioni non è
permesso
IMPORTANT NOTICE FOR THE INSTALLER
GENERAL SAFETY REGULATIONS
1) ATTENTION! To ensure the safety of people, it is important that you read all the
following instructions. Incorrect installation or incorrect use of the product
could cause serious harm to people.
2)
Carefully read the instructions before beginning to install the product.
3) Do not leave packing materials (plastic, polystyrene, etc.) within reach of
children as such materials are potential sources of danger.
4) Store these instructions for future reference.
5) This product was designed and built strictly for the use indicated in this
documentation. Any other use, not expressly indicated here, could compromise
the good condition/operation of the product and/or be a source of danger.
6) GENIUS declines all liability caused by improper use or use other than that for which
the automated system was intended.
7) Do not install the equipment in an explosive atmosphere: the presence of
inflammable gas or fumes is a serious danger to safety.
8) The mechanical parts must conform to the provisions of Standards EN 12604 and
EN 12605.
For non-EU countries, to obtain an adequate level of safety, the Standards
mentioned above must be observed, in addition to national legal regulations.
9) GENIUS is not responsible for failure to observe Good Technique in the construction
of the closing elements to be motorised, or for any deformation that may occur
during use.
10) The installation must conform to Standards EN 12453 and EN 12445. The safety level
of the automated system must be C+D.
11) Before attempting any job on the system, cut out electrical power and
disconnect the batteries.
12) The mains power supply of the automated system must be fitted with an all-pole
switch with contact opening distance of 3mm or greater. Use of a 6A thermal
breaker with all-pole circuit break is recommended.
13) Make sure that a differential switch with threshold of 0.03 A is fitted upstream of
the system.
14) Make sure that the earthing system is perfectly constructed, and connect metal
parts of the means of the closure to it.
15) The automated system is supplied with an intrinsic anti-crushing safety device
consisting of a torque control. Nevertheless, its tripping threshold must be
checked as specified in the Standards indicated at point 10.
16) The safety devices (EN 12978 standard) protect any danger areas against
mechanical movement Risks, such as crushing, dragging, and shearing.
17) Use of at least one indicator-light is recommended for every system, as well as
a warning sign adequately secured to the frame structure, in addition to the
devices mentioned at point “16”.
18) GENIUS declines all liability as concerns safety and efficient operation of the
automated system, if system components not produced by GENIUS are used.
19) For maintenance, strictly use original parts by GENIUS.
20) Do not in any way modify the components of the automated system.
21) The installer shall supply all information concerning manual operation of the
system in case of an emergency, and shall hand over to the user the warnings
handbook supplied with the product.
22) Do not allow children or adults to stay near the product while it is operating.
23) Keep remote controls or other pulse generators away from children, to prevent
the automated system from being activated involuntarily.
24) Transit through the leaves is allowed only when the gate is fully open.
25) The user must not attempt any kind of repair or direct action whatever and
contact qualified personnel only.
26) Do not short-circuit the poles of the batteries and do not try to recharge the
batteries with power supply units other than Master or Slave cards.
27) Do not throw exhausted batteries into containers for other waste but dispose of
them in the appropriate containers to enable them to be recycled. Disposal costs
have already been paid for by the manufacturer.
28) Anything not expressly specified in these instructions is not permitted.
CONSIGNES POUR L'INSTALLATEUR
RÈGLES DE SÉCURITÉ
1) ATTENTION! Il est important, pour la sécurité des personnes, de suivre à la lettre
toutes les instructions. Une installation erronée ou un usage erroné du produit
peut entraîner de graves conséquences pour les personnes.
2)
Lire attentivement les instructions avant d'installer le produit.
3) Les matériaux d'emballage (matière plastique, polystyrène, etc.) ne doivent pas
être laissés à la portée des enfants car ils constituent des sources potentielles de
danger.
4) Conserver les instructions pour les références futures.
5) Ce produit a été conçu et construit exclusivement pour l'usage indiqué dans
cette documentation. Toute autre utilisation non expressément indiquée pourrait
compromettre l'intégrité du produit et/ou représenter une source de danger.
6) GENIUS décline toute responsabilité qui dériverait d'usage impropre ou différent
de celui auquel l'automatisme est destiné.
7) Ne pas installer l'appareil dans une atmosphère explosive: la présence de gaz ou
de fumées inflammables constitue un grave danger pour la sécurité.
8) Les composants mécaniques doivent répondre aux prescriptions des Normes EN
12604 et EN 12605.
Pour les Pays extra-CEE, l'obtention d'un niveau de sécurité approprié exige
non seulement le respect des normes nationales, mais également le respect des
Normes susmentionnées.
9) GENIUS n'est pas responsable du non-respect de la Bonne Technique dans la
construction des fermetures à motoriser, ni des déformations qui pourraient
intervenir lors de l'utilisation.
10) L'installation doit être effectuée conformément aux Normes EN 12453 et EN 12445.
Le niveau de sécurité de l'automatisme doit être C+D.
11) Couper l'alimentation électrique et déconnecter la batterie avant toute
intervention sur l'installation.
12) Prévoir, sur le secteur d'alimentation de l'automatisme, un interrupteur omnipolaire
avec une distance d'ouverture des contacts égale ou supérieure à 3 mm. On
recommande d'utiliser un magnétothermique de 6A avec interruption
omnipolaire.
13) Vérifier qu'il y ait, en amont de l'installation, un interrupteur différentiel avec un
seuil de 0,03 A.
14) Vérifier que la mise à terre est réalisée selon les règles de l'art et y connecter les
pièces métalliques de la fermeture.
15) L'automatisme dispose d'une sécurité intrinsèque anti-écrasement, formée d'un
contrôle du couple. Il est toutefois nécessaire d'en vérifier le seuil d'intervention
suivant les prescriptions des Normes indiquées au point 10.
16) Les dispositifs de sécurité (norme EN 12978) permettent de protéger des zones
éventuellement dangereuses contre les Risques mécaniques du mouvement,
comme l'écrasement, l'acheminement, le cisaillement.
17) On recommande que toute installation soit doté au moins d'une signalisation
lumineuse, d'un panneau de signalisation fixé, de manière appropriée, sur la
structure de la fermeture, ainsi que des dispositifs cités au point “16”.
18) GENIUS décline toute responsabilité quant à la sécurité et au bon fonctionnement
de l'automatisme si les composants utilisés dans l'installation n'appartiennent pas
à la production GENIUS.
19) Utiliser exclusivement, pour l'entretien, des pièces GENIUS originales.
20) Ne jamais modifier les composants faisant partie du système d'automatisme.
21) L'installateur doit fournir toutes les informations relatives au fonctionnement
manuel du système en cas d'urgence et remettre à l'Usager qui utilise l'installation
les "Instructions pour l'Usager" fournies avec le produit.
22) Interdire aux enfants ou aux tiers de stationner près du produit durant le
fonctionnement.
23) Eloigner de la portée des enfants les radiocommandes ou tout autre générateur
d'impulsions, pour éviter tout actionnement involontaire de l'automatisme.
24) Le transit entre les vantaux ne doit avoir lieu que lorsque le portail est
complètement ouvert.
25) L'Usager qui utilise l'installation doit éviter toute tentative de réparation ou
d'intervention directe et s'adresser uniquement à un personnel qualifié.
26) Ne pas mettre en court-circuit les pôles des batteries et ne pas tenter de les
recharger avec d'autres platines d'alimentation que les platines Maître ou
Esclave.
27) Ne pas jeter les batteries épuisées à la poubelle, mais les éliminer dans les
conteneurs spécifiques pour le recyclage. Les coûts d'élimination des déchets
ont déjà été payés par le constructeur.
28) Tout ce qui n'est pas prévu expressément dans ces instructions est interdit.
ADVERTENCIAS PARA EL INSTALADOR
REGLAS GENERALES PARA LA SEGURIDAD
1) ATENCION: Es sumamente importante para la seguridad de las personas seguir
atentamente las presentes instrucciones. Una instalación incorrecta o un uso
impropio del producto puede causar graves daños a las personas.
2)
Lean detenidamente las instrucciones antes de instalar el producto.
3) Los materiales del embalaje (plástico, poliestireno, etc.) no deben dejarse al
alcance de los niños, ya que constituyen fuentes potenciales de peligro.
4) Guarden las instrucciones para futuras consultas.
5) Este producto ha sido proyectado y fabricado exclusivamente para la utilización
indicada en el presente manual. Cualquier uso diverso del previsto podría
1
ITALIANO
erotamrofsartledenoizatnemilaidenoisneT .zH06/05-)%01-6+(~V511/032
elartnecalledenoizatnemilaidenoisneT
.zH06/05-)%01-6+(~V42
atibrossaaznetoP W3
erotom.xamociraC 2xW07
irossecca.xamociraC Am005cdV42
aisetrocidec
ul/etnaiggepmal.xamociraC .xamW51cdV42
etneibmaarutarepmeT C°05+C°02-
enoizetorpidilibisuF 4
otnemanoiznufi
dehcigoL
/acitamotuaimeS/ossapossaPacitamotuA/acitamotuA
elainimodnoC/ossaP-ossaPacitamotuaimeS
arusuihc
/arutrepaidopmeT enoizammargorpidesafniotnemidnerppaotuanI
asuapidopmeT enoizammargorpidesafniotnemidner
ppaotuanI
atnipsidazroF yalpsidetimartilibalogerillevilorttauQ
itnematnellaR arusuihcearutrepanI
areittesr
omniissergnI
redocnE/eirettabenoizatnemilA/~V42enoizatnemilA
arusuihc-arutrepaezzeruciS/elanodeparutrepA/elatotarutrepA
arusuihc-arutrepaasroceniF/potS
oidarreperottennoC nip5odiparerottennoC
areittesromnieti
csU
-aisetrocidecuL/cdV42irotoM/cdV42irosseccaenoizatnemilA
cdV21arutarresorttelE/cdV42etnaiggepmaL
adeh
csinoisnemiD .mm031x561
~V032eladioroterotamrofsartehcitsirettaraC AV021/~V22.ces/~V032.mirp
~V511eladior
oterotamrofsartehcitsirettaraC AV021/~V02.ces/~V511.mirp
ilanoizpoeirettabehcitsirettaraC .mm801x07x09.s
nemid/hA4-V21
onretsereperotinetnocehcitsirettaraC 55PI-.mm521x522x503
Fig. 1
BA
C
APPARECCHIATURA ELETTRONICA 24Vdc PER CANCELLI AD ANTE BATTENTI
ISTRUZIONI PER L’USO - NORME D’INSTALLAZIONE
1. CARATTERISTICHE GENERALI
Questa centrale di comando a 24Vdc per cancelli ad ante battenti offre elevate prestazioni ed un ampio numero di regolazioni, con
rallentamenti in apertura e chiusura, possibilità di gestire uno o due motori, gestione dei finecorsa in apertura e chiusura e possibilità di
gestire due TIMECODER.
Un sofisticato controllo elettronico monitorizza costantemente il circuito di potenza ed interviene bloccando la centrale in caso di
anomalie che possano pregiudicare il funzionamento della frizione elettronica.
I settaggi dei parametri e le logiche di funzionamento vengono impostati e visualizzati su di un comodo display che, durante il funziona-
mento normale, visualizza lo stato del cancello. La regolazione dei tempi di funzionamento avvengono in autoapprendimento durante
la fase di programmazione.
Il contenitore stagno è predisposto per l’alloggiamento della centrale, del trasformatore toroidale e delle eventuali batterie tampone
(opzionali) con caratteristiche e dimensioni indicate nella tabella sottostante.
2. CARATTERISTICHE TECNICHE
ATTENZIONE: In funzione della tensione di rete si possono avere valori d’uscita diversi sulla tensione 24V~. Prima di procedere alla messa
in servizio occorre sempre verificare la tensione d’uscita del trasformatore. Questa non deve essere superiore a 26V~ sia per
l’alimentazione a 230V~ che 115V~. La tensione deve essere misurata a vuoto, ovvero con il trasformatore alimentato e scollegato dalla
scheda.
3. PREDISPOSIZIONI
ATTENZIONE: E’ importante per la sicurezza delle persone seguire attentamente tutte le avvertenze e le istruzioni presenti in questo
libretto. Un’errata installazione o un errato uso del prodotto può portare a gravi danni alle persone.
Verificare che a monte dell’impianto vi sia un adeguato interruttore differenziale come prescritto dalla normativa vigente e prevedere
sulla rete d’alimentazione un magnetotermico onnipolare.
Per la messa in opera dei cavi elettrici utilizzare adeguati tubi rigidi e/o flessibili.
Separare sempre i cavi di collegamento degli accessori a bassa tensione da quelli di alimentazione 115/230 V~. Per evitare qualsiasi
interferenza utilizzare guaine separate.
La lunghezza massima dei cavi d’alimentazione tra centrale e motori non deve essere superiore ai 10 m.,
utilizzando dei cavi con sezione 2.5 mm
2
.
Per il fissaggio dei vari componenti all’interno del contenitore stagno, procedere come segue:
1- Fissare il supporto per il trasformatore toroidale nella posizione A con n°3 viti autofilettanti Ø4.2x13 (fornite)
posizionando, tra il supporto del trasformatore e le guide del contenitore stagno, i distanziali in dotazione.
2- Fissare il trasformatore al supporto con n°2 fascette (fornite).
3- Se è previsto l’utilizzo delle batterie tampone, fissare il relativo supporto nella posizione B con n° 4 viti
autofilettanti Ø3.5x9.5 in dotazione, avvitando le viti nei fori di incrocio delle guide del contenitore.
Nota Bene: Il supporto è dimensionato per alloggiare due batterie (non fornite) con le dimensioni specificate
nella tabella a paragrafo 2.
4- Posizionare le batterie sul supporto e fissarle con delle fascette in plastica.
5- Fissare la centrale nella posizione C con le n°4 viti autofilettanti Ø4.2x13 in dotazione, posizionando i
distanziali forniti tra la centrale e le guide del contenitore.
2
ITALIANO
4. COLLEGAMENTI E FUNZIONAMENTO
4.1. MORSETTIERA CN1
4.1.1. Alimentazione 22V
Morsetti “VAC-VAC”. Ingresso al quale va collegato il circuito secondario del trasformatore 24V~ 50/60 Hz. La presenza d’alimentazione
per mezzo del trasformatore è segnalata dall’accensione del led “ALIM” posizionato sotto la morsettiera.
4.1.2. Batterie
Morsetti “+BAT - -BAT”. Collegare a questi morsetti i cavi di alimentazione delle batterie tampone (opzionali). La centrale è predisposta
per poter funzionare con due batterie tampone con caratteristiche minime riportate nella tabella di paragrafo 2. Durante il funzionamen-
to normale la centrale provvede a mantenere in carica le batterie, queste entrano in funzione qualora viene a mancare l’alimentazione
al trasformatore.
Nota Bene:
• L’alimentazione per mezzo delle sole batterie è da considerarsi una situazione d’emergenza, il numero di manovre possibili è legato
alla qualità delle batterie stesse, dalla struttura del cancello da movimentare, da quanto tempo è passato dalla sospensione
dell’alimentazione di rete etc. etc..
• Rispettare la polarità d’alimentazione delle batterie.
4.1.3. Accessori
Morsetti “+24V - -24V”. A questi morsetti vanno collegati i cavi d’alimentazione degli accessori.
Nota Bene:
• Il carico massimo degli accessori non deve superare i 500 mA.
• L’uscita di questi morsetti è in corrente continua, rispettare la polarità di alimentazione degli accessori.
4.1.4. Terra
Morsetto “ “. A questo morsetto va collegato il cavo per la messa a terra della centralina.
Nota Bene:
• Per un corretto funzionamento della centrale è assolutamente necessario effettuare questo collegamento.
4.2. MORSETTIERA CN2
4.2.1. Motoriduttore 1
Morsetti “APM1 - CHM1”. Nel caso di applicazioni a doppio battente collegare a questi morsetti il motoriduttore montato sull’anta che
deve muoversi per prima. Nel caso di applicazioni a singola anta il motoriduttore deve essere collegato a questi morsetti. Il carico massimo
del motoriduttore non deve superare i 70W.
4.2.2. Motoriduttore 2
Morsetti “APM2 - CHM2”. Nel caso di applicazioni a doppio battente collegare a questi morsetti il motoriduttore montato sull’anta che
deve muoversi per ultima. Nel caso di applicazione a singola anta a questi morsetti non vi sarà collegato nulla. Il carico massimo del
motoriduttore non deve superare i 70W.
4.2.3. Elettroserratura
Morsetti “ELS - ELS”. A questi morsetti va collegata l’eventuale elettroserratura con alimentazione 12Vdc . Per facilitare lo sganciamento
dell’elettroserratura è possibile, attivando il parametro “F” inserire il colpo d’ariete (vedi paragrafo 9).
Nota bene:
• Nelle applicazioni a doppio battente l’elettroserratura deve essere montata sulla stessa anta del motoriduttore 1.
4.2.4. Lampeggiante / Lampada di cortesia
Morsetti “LAMP - LAMP”. A questi morsetti può essere collegato sia un lampeggiante che una lampada di cortesia, entrambi con alimen-
tazione 24Vdc massimo 15W. Il funzionamento di questa uscita viene selezionato tramite il parametro “G”, vedi paragrafo 9.
Funzionamento del lampeggiante:
Durante il funzionamento normale il lampeggiante esegue un prelampeggio fisso di 1.5 secondi sia in apertura che in chiusura. Con il
cancello aperto se vengono impegnate le sicurezze in chiusura il lampeggiante esegue un lampeggio per indicare che si sta operando
nell’area di movimentazione del cancello. E’ consigliato collegare il lampeggiante prima della fase di programmazione in quanto ne
indica le fasi. Utilizzare un lampeggiante a luce fissa, il lampeggio è gestito dalla centrale.
Funzionamento della luce di cortesia:
La luce di cortesia rimane accesa per un tempo fisso di 90 secondi dall’impulso di OPEN, dopodichè si spegne. Utilizzare una lampada con
alimentazione 24V 15W massimo.
4.3. MORSETTIERA CN3
4.3.1. Finecorsa in chiusura motore 1
Morsetti “COMF - FCC1”. Contatto normalmente chiuso. Questo interviene bloccando il moto di chiusura del motore 1. Lo stato di questo
ingresso è segnalato dal led FCC1.
4.3.2. Finecorsa in apertura motore 1
Morsetti “COMF - FCA1”. Contatto normalmente chiuso. Questo interviene bloccando il moto d’apertura del motore 1. Lo stato di questo
ingresso è segnalato dal led FCA1.
4.3.3. Finecorsa in chiusura motore 2
Morsetti “COMF - FCC2”. Contatto normalmente chiuso. Questo interviene bloccando il moto di chiusura del motore 2. Lo stato di questo
ingresso è segnalato dal led FCC2.
4.3.4. Finecorsa in apertura motore 2
Morsetti “COMF - FCA2”. Contatto normalmente chiuso. Questo interviene bloccando il moto d’apertura del motore 2. Lo stato di questo
ingresso è segnalato dal led FCA2.
Nota Bene:
• Se non viene utilizzato nessun finecorsa è necessario ponticellare gli ingressi.
• I finecorsa non possono essere utilizzati come inizio del tratto rallentato.
4.3.5. Encoder motore 1
Morsetto “ENC1”. A questo morsetto deve essere collegato il segnale proveniente dall’encoder installato sul motoriduttore 1. Per il
funzionamento dell’encoder e per la sua attivazione vedi paragrafo 6. Qualora non si utilizzi l’encoder non è necessario ponticellare
l’ingresso.
4.3.6. Encoder motore 2
Morsetto “ENC2”. A questo morsetto deve essere collegato il segnale proveniente dall’encoder installato sul motoriduttore 2. Per il
funzionamento dell’encoder e per la sua attivazione vedi paragrafo 6. Qualora non si utilizzi l’encoder non è necessario ponticellare
3
ITALIANO
Fig. 3
Fig. 2
ENCODER
OFF ON
AMPERO
3421
ON
ENCODER
OFF ON
AMPERO
3
421
ON
l’ingresso.
Attenzione: Nelle applicazioni a due motori l’encoder deve essere installato su entrambi i motori.
4.4. MORSETTIERA CN4
4.4.1. Apertura totale
Morsetti “COM - OPEN A”. Contatto normalmente aperto. Collegare a questi morsetti un qualsiasi datore d’impulso (es. pulsante, selettore
a chiave etc.) che , chiudendo un contatto, genera un impulso di apertura o chiusura totale del cancello. Il suo funzionamento è definito
dal parametro di funzionamento “D” vedi paragrafo 9.
Nota Bene:
• Un impulso di apertura totale ha sempre la precedenza sull’apertura pedonale.
• Per collegare più datori d’impulso collegare i dispositivi in parallelo.
4.4.2. Apertura pedonale
Morsetti “COM - OPEN B”. Contatto normalmente aperto. Collegare a questi morsetti un qualsiasi datore d’impulso (es. pulsante, selettore
a chiave etc.) che , chiudendo un contatto, genera un impulso di apertura o chiusura parziale del cancello. Nelle applicazioni a doppio
battente l’apertura pedonale corrisponde con l’apertura completa dell’anta 1; nelle applicazioni ad una sola anta l’apertura pedonale
corrisponde a circa il 30% dell’apertura totale memorizzata.
Nota Bene:
• Un impulso di apertura totale ha sempre la precedenza sull’apertura pedonale.
• Per collegare più datori d’impulso collegare i dispositivi in parallelo.
4.4.3. Stop
Morsetti “COM - STOP”. Contatto normalmente chiuso. Collegare a questi morsetti un qualsiasi dispositivo di sicurezza (es. pressostato,
costa etc.) che , aprendo un contatto, provoca l’arresto immediato del cancello e disabilita ogni funzione automatica. Lo stato di questo
ingresso è segnalato dal led “STOP”. Solo con un successivo impulso d’apertura, totale o parziale, il cancello riprende il ciclo memorizzato.
Nota Bene:
• Nel caso non vengano collegati dispositivi di STOP è necessario ponticellare l’ingresso.
• Per collegare più comandi di STOP collegare i dispositivi in serie.
4.4.4. Sicurezze in chiusura
Morsetti “COM - FSW CL”. Contatto normalmente chiuso. Collegare a questi morsetti un qualsiasi dispositivo di sicurezza (es. fotocellula,
costa, pressostato, etc..) che, aprendo un contatto, agisce sul moto di chiusura del cancello provocandone l’inversione sino alla battuta
meccanica o al finecorsa di apertura. Lo stato di questo ingresso è segnalato dal led “FSW-CL”.
4.4.5. Sicurezze in apertura
Morsetti “COM - FSW OP”. Contatto normalmente chiuso. Collegare a questi morsetti un qualsiasi dispositivo di sicurezza (es. fotocellula,
costa, pressostato, etc..) che, aprendo un contatto, agisce sul moto d’apertura del cancello provocandone l’arresto immediato, una volta
ripristinata la sicurezza il cancello riprende con il ciclo memorizzato. Lo stato di questo ingresso è segnalato dal led “FSW-OP”.
Nota Bene:
• Nel caso non vengano collegati dispositivi di sicurezza è necessario ponticellare gli ingressi.
• Per collegare più dispositivi di sicurezza collegare i dispositivi in serie.
5. INSERIMENTO SCHEDA RICEVITORE PER RADIOCOMANDO
La centrale è predisposta per alloggiare un modulo radioricevitore a 5 pin. Per procedere all’installazione togliere l’alimentazione elettrica
ed inserire il modulo nell’apposito connettore CN5 sulla centrale.
ATTENZIONE: Per non danneggiare, e quindi comprometterne irrimediabilmente il funzionamento, la ricevente deve essere innestata
rispettando l’orientamento specificato nel paragrafo 13 (schema di collegamento).
Seguire poi le istruzioni del radioricevitore per la memorizzazione del radiocomando.
6. FUNZIONAMENTO CON ENCODER O AMPEROMETRICO
La centrale dispone di n°4 DIP-SWITCH che permettono di selezionare il funzionamento amperometrico o il funzionamento con Encoder.
Il funzionamento con encoder garantisce una maggiore sicurezza nella rilevazione degli ostacoli ed una maggiore ripetibilità del punto
di rallentamento.
Nota Bene: Il funzionamento con encoder necessita di battute meccaniche, o finecorsa, sia in apertura che in chiusura.
Per selezionare il funzionamento con encoder è necessario posizionare i DIP-SWITCH 1 e 2 su ON e i DIP-SWITCH 3 e 4 su OFF (Fig.02).
Per selezionare il funzionamento amperometrico è necessario posizionare i DIP-SWITCH 1 e 2 su OFF e i DIP-SWITCH 3 e 4 su ON (Fig.03).
ATTENZIONE: Per una corretta procedura di programmazione della centrale si deve eseguire questa operazione prima della fase di
programmazione della centrale in quanto ne modifica radicalmente il funzionamento.
Funzionamento con Encoder Funzionamento
Amperometrico
4
ITALIANO
EROLAV
OTAZZILAUSIV
OLLECNACOTATS
osopiraollecnaC
arutrepaniollecnaC
)ovisseccusofargarapidev,atatilibaaci
tamotuaarusuihcirnocoloS(asuapniotrepaollecnaC
arusuihcniollecnaC
Fig. 4
SDELOSECCAOTNEPS
MILAeladioroterotamrofsartetimartenoizatnemilA
idaznacnamoeirettabelledozzemrepenoizatnem
ilA
enoizatnemila
1CCF otangepminon1erotomarusuihcniasroceniF otangepmi1erotomarusuihcniasroceniF
1ACFotang
epminon1erotomarutrepaniasroceniF otangepmi1erotomarutrepaniasroceniF
2CCF otangepminon2erotomarusuihcni
asroceniF otangepmi2erotomarusuihcniasroceniF
2ACFotangepminon1erotomarutrepaniasroceniF otangepmi2erotom
arutrepaniasroceniF
POTSotavittanonpotsidodnamoC otavittapotsidodnamoC
LC-WSFatangepminonarusuihcniazzeruc
iS atangepmiarusuhcniazzeruciS
PO-WSFatangepminonarutrepaniazzeruciS atangepmiarutrepaniazzeruciS
7. LEDS DI CONTROLLO
Nota Bene:
• In neretto è riportato lo stato dei leds con cancello chiuso, centrale alimentata ed entrambi i finecorsa installati.
• Nel caso non siano utilizzati i finecorsa è necessario ponticellare i rispettivi contatti, i leds FCC1 - FCA1 - FCC2 - FCA2 devono essere
accesi.
• Nel caso non venga installato alcun dispositivo di STOP è necessario ponticellare l’ingresso, il led STOP deve essere acceso.
8. FUNZIONAMENTO DEL DISPLAY
La centrale è dotata di un comodo display per la visualizzazione dei parametri di funzionamento e per la
loro programmazione. Inoltre durante il normale funzionamento visualizza costantemente lo stato del
cancello.
Durante la visualizzazione e la programmazione dei parametri di funzionamento il display indica nella
parte sinistra il parametro selezionato mentre la parte destra ne mostra il valore impostato. In Fig.04 è
riportato l’esempio di visualizzazione del parametro “A” al valore “2”.
Durante il funzionamento normale il display visualizza lo stato del cancello. I valori visualizzati sono riportati nella tabella seguente:
9. REGOLAZIONE DEI PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO
Nota Bene: Prima di iniziare la fase di regolazione dei parametri di funzionamento è necessario selezionare il tipo di funzionamento
della centrale, con o senza encoder (vedi paragrafo 6).
Per accedere alla regolazione dei parametri di funzionamento seguire le indicazioni seguenti:
1- Una volta eseguiti tutti i collegamenti necessari, alimentare l’impianto e verificare che tutti i leds di segnalazione si trovino nella
situazione indicata nel paragrafo 7.
2- Il display visualizzerà il valore “ ”.
3- Premere e tenere premuto il pulsante P2 fino a che sul display non viene visualizzato il nome ed il valore del primo parametro.
4- Per modificare il valore del parametro premere il tasto P1.
5- Per passare al parametro successivo premere il tasto P2.
6- Trascorsi 60 secondi senza che si tocchi nessun tasto la centrale esce dalla modalità di regolazione. E’ possibile uscire manualmente
dalle modalità di regolazione facendo scorrere, tramite il tasto P2, tutti i parametri. Quando il display visualizza il valore “ “ si è tornati
al funzionamento normale.
Nella tabella seguente sono riassunti tutti i parametri impostabili ed i valori assegnabili.
5
ITALIANO
YALPSID ENOIZIRCSED
.acinortteleenoizirfalledàtilibisnesalledenoizalogeR
aminimerotomazroF
assab-oidemero
tomazroF
atla-oidemerotomaroF
atlaerotomazroF
:2atnaodratiR .etnaeudelledotnemasafsidopmetlieranoizelesid
ettemreportemarapotseuq
otnemasafsididnoces5.1
otnemasafsididnoces3
otnemasafsididnoces6
otnemasafsididno
ces01
:acitamotuAarusuihciR ollecnacledacitamotuaarusuihciralatilibasidoatilibaisenoiznufatseuqnoc
atavi
ttasiD
atavittA
:ANEPOodnamocledotnemanoiznuF .)elatotarutrepa(ANEPOidetnaslupledotnematropmoclianimrete
denoiznufatseuq
.....erpA/eduihC/erpA
......erpA/potS/eduihC/potS/erpA
:elainimodnocenoiznuF .tratsidodna
mocliotibiniàrrevollecnacledarutrepaidesafaletnarudenoiznufatseuqodnavitta
atavittasiD
atavittA
:eteira'
doploC ehclauqrep,etraparutarresorttele'latallatsnièelauqallusatna'lNEPOidoslupmiingodaenoiznufatseuqodnatiliba
.arutarresorttele'lledotnemaicnagsoleratilicafrepotseuQ.arusuihcidotomnunoc,odnoces
atavittas
iD
atavittA
:etnaiggepmal/aisetrocidecuL PMAL-PMALittesromiadaticsuidopitlieranoizeleselibissopèortemara
potseuqnoc
.aisetrocideculeetnaiggepmalartodneilgecs
etnaiggepmaL
)idnoces09repavitta(aisetrocidecuL
:otn
ematnellaridotnupelautnecreP artodneilgecs,otatnellarottartledazzehgnulaleranoizeleselibissopèortemarapotseuqnoc
itassiferpirolaveudi
atazziromemarutrepaamissamalled%02
atazziromemarutrepaamissamalled%01
:atatnellaresafaletnarudàticoleV ,atatnellaresafaletnaruderotomledàticolevaleratsopmielibissopèortemarapotseuqnoc
irolaveudiartodneilgecs
assaB
atlA
:asrocenifnocotnemanoiznuF asrocenifaznesonocotnemanoiznuflier
anoizelesidettemreportemarapotseuq
asrocenifaznesotnemanoiznuF
asrocenifnocotnemanoiznuF
:irotomidoremuN
etnaeudoanuda,ollecnacledaigolopitalanoizelesisortemarapotseuqnoc
otagellocerotomnuolos,atnanudaollecn
aC
itagellocirotomeud,etnaeudaollecnaC
6
ITALIANO
ELIBISUFENOIZETORPELIBISUFENOIZETORPELIBISUFENOIZETORPELIBISUFENOIZETORP
1F A01T=
02x5-V052
enoizatnemilA
~V42
2F A
36.0T=
02x5-V052
enoizatnemilA
eirossecca
eirettabacirac
3F A36.0R=
02x5-V052
aticsU
etnaiggepmal
4F A51.3R=
02x5-V052
aticsU
arutarresorttele
10. PROGRAMMAZIONE
Nota Bene:
• Prima di iniziare la fase di programmazione è necessario selezionare il tipo di funzionamento della centrale, con o senza encoder (vedi
paragrafo 6).
Durante la procedura di programmazione la centrale memorizza le battute meccaniche in apertura, in chiusura e l’eventuale tempo di
pausa prima della richiusura.
1- Sbloccare i motoriduttori, posizionare le ante a metà dell’apertura, ribloccare gli operatori.
2- Alimentare la centrale e verificare che sul display venga visualizzato il valore “ ”.
3- Premere e tenere premuto il pulsante P2 fino a che il display non visualizza il primo parametro ed il relativo valore.
4- Dare un comando di OPEN A con un qualsiasi dispositivo collegato a questo ingresso, il display visualizza il valore “ ”e le ante iniziano
a muoversi. La prima manovra eseguita dalle ante deve essere in chiusura. Se ciò non avviene è necessario arrestare il movimento del
cancello con un impulso di reset, toccando con un cacciavite i due PINS del JMP “RESET” o togliendo corrente. Procedere quindi ad
invertire i fili dei motori / del motore, che hanno eseguito la manovra di apertura. Riprendere la fase di programmazione dal punto 1.
5- Una volta raggiunta la battuta meccanica in chiusura i motoriduttori eseguono una pausa di circa 2 secondi, dopodichè ripartono con
una manovra di apertura totale sino alla battuta meccanica in apertura o al relativo finecorsa.
6- Se non è stata abilitata la richiusura automatica la fase di programmazione è conclusa , viceversa la centrale inizia il conteggio del
tempo di pausa.
7- Trascorso il tempo desiderato dare un nuovo impulso di OPEN A ed il cancello inizierà la fase di chiusura.
8- Una volta raggiunto l’arresto in chiusura la fase di programmazione è conclusa ed il display visualizza il valore “ ”.
Nota Bene:
• Durante tutta la procedura di programmazione il display visualizzerà il valore “ ”.
• Per tutto il tempo di programmazione il lampeggiante rimarrà acceso a luce fissa.
• Durante la procedura di programmazione il movimento delle ante durante la procedura di programmazione avviene in modo rallentato.
11. FUNZIONAMENTO DELLA FRIZIONE ELETTRONICA
Dispositivo importantissimo ai fini della sicurezza, la sua taratura rimane costante nel tempo senza essere soggetta ad usure. Essa è attiva
sia in apertura che in chiusura, quando interviene inverte il moto del cancello senza disabilitare la richiusura automatica, se inserita.
Durante il moto di chiusura se interviene per più volte consecutive, la centrale si posiziona in STOP disabilitando qualsiasi comando
automatico. Questo perché intervenendo più volte consecutive significa che l’ostacolo permane e potrebbe essere pericoloso effettua-
re qualsiasi manovra. Per ripristinare il funzionamento normale è necessario un impulso di OPEN A / OPEN B da parte dell’utilizzatore.
12. FUSIBILI DI PROTEZIONE
7
ITALIANO
ELS
CHM2
APM2
CHM1
APM1
CN2
LAMP
LAMP
ELS
F3
ALIM
F1
VAC
+24V
-24V
+BAT
-BAT
VAC
CN1
FD
P1
DL6
CN3
FCA2
FCC2
FCA1
FCC1
COMF
ENC1
ENC2
STOP
OPEN
B
OPEN
A
DL5
FCA2
DL3
FCA1
DL2
FCC1
DL4
FCC2
F4
STOP
RST
JMP1
COM
FSW
CN4
CL OP
2003/4/5
6/7/8 /9
10/11 /12
G
CN5
FSW-OP
DL7
FSW-CL
DL8
P2
L
A
O
S
N
A
M
M
DS1
ENCODER
OFF ON
AMPERO
3421
ON
F2
G
DS2
M2
M1
+
-
+
-
+
--
+
-
+
-
+
+
-
+
-
1
2
3
4
5
RX - CL
1
2
3
4
5
1
2
-
+
-
+
1
2
TX - CL
-
+
-
+
TX - OP/CL
RX - OP
1
2
3
4
5
TX - OP/CL
TX - OP
-
+
-
+
1
2
+
-
Batterie
Alimentazione
accessori esterni
Massa a terra
Trasformatore
toroidale
230 V~
50 Hz
Motore 1
Motore 2
Elettroserratura
12V~
Lampeggiante
Luce di cortesia
24V dc
24V dc
24V
dc
24V
dc
24V dc
24V dc
24V
dc
24V dc
Ricevente
Connettore per
ricevente 5 pins
Encoder
motore 1
Encoder
motore 2
Sicurezze
in chiusura
Sicurezze
in apertura
Sicurezze in
apertura / chiusura
13. SCHEMA DI COLLEGAMENTO
8
ITALIANO
0=F0=d1=CacitamotuA"A"acigoL
ollecnacotatS islupmI
AnepOBnepOpotSarutrepaezzeruciSarusuihcezzeruciSHC/PAazzeruciS
osuihC
eduihcireatna'lerpA
asuapidopmetopod
ela
izraparutrepa'leugesE
odneduihciratna'lled
asuapidopmetopod
otteffenusseN
)otibiniNEPO(
NEPOididnamociecsi
binIotteffenuseN
ididnamociecsibinI
NEPO
asuapniotrepA asuapidopmetaciraciR
ollecnaclieduihC
etnemataidemmi
o
tnemanoiznufliaccolBotteffenusseN
,asuapidopmetaccolB
eduihcirongepmisidla
.ces5opod
,asuapidopmetliaccolB
eduihcirongepmisidla
.ces5opod
arusuihcnI
ledotomlietrevnI
ollecnac
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolBotteff
enusseNotomlietrevnI
otnemanoiznufliaccolB
etrevniongepmisidlade
arutrepanI
ledotomlietrevnI
ollecnac
otteff
enusseNotnemanoiznufliaccolB
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
otteffenusseN
otnemanoiznufliacc
olB
ongepmisidlade
ednerpir
0=F1=d1=CossaP-ossaPacitamotuA"PA"acigoL
ollecnacotatS islupmI
AnepOBnepOpotSarutrepaezzeruciSarusuihcezzeruciSHC/PAazzeruciS
osuihC
eduihcireatna'lerpA
asuapidopmetopod
ela
izraparutrepa'leugesE
odneduihciratna'lled
asuapidopmetopod
otteffenusseN
)otibiniNEPO(
ididnamociecsibinI
NEPO
otteffenusseN
ididnamociecsibinI
NEPO
asuapniotrepA asuapidopmetaciraciR
ollecnaclieduihC
etnemataidemm
i
otnemanoiznufliaccolBotteffenusseN
,asuapidopmetaccolB
eduihcirongepmisidla
.ces5opod
,asuapidopmetliacco
lB
eduihcirongepmisidla
.ces5opod
arusuihcnI
ledotomliaccolB
ovisseccusla,ollecnac
erpaoslupmi
otteffenusseNo
tnemanoiznufliaccolBotteffenusseNotomlietrevnI
otnemanoiznufliaccolB
etrevniongepmisidlade
arutrepanI
ledot
omliaccolB
ovisseccusla,ollecnac
eduihcoslupmi
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolB
otnemanoiznufliaccolB
ong
epmisidlade
ednerpir
otteffenusseN
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
14. LOGICHE DI FUNZIONAMENTO
9
ITALIANO
0=F0=d0=CacitamotuaimeS"E"acigoL
ollecnacotatS islupmI
AnepOBnepOpotSarutrepaezzeruciSarusuihcezzeruciSHC/PAazzeruciS
osuihC atna'lerpA
arutrepa'leugesE
elaizrap
otte
ffenusseN
)otibiniNEPO(
ididnamociecsibinI
NEPO
otteffenusseN
ididnamociecsibinI
NEPO
otrepA eduihCollecnaclie
duihC
otteffenusseN
)otibiniNEPO(
otteffenusseN
idodnamocecsibinI
ongepmisidlaNEPO
.ces5opodeduihcir
idodnam
ocecsibinI
ongepmisidlaNEPO
.ces5opodeduihcir
arusuihcnI
ledotomlietrevnI
ollecnac
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolBotteffenusseN
ledotomlietrevnI
ollecnac
otnemanoiznufliaccolB
etrevniongepmisidlade
arutrepanI
ledo
tomlietrevnI
ollecnac
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolB
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
ottef
fenusseN
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
0=F1=d0=CossaP-ossaPacitamotuaimeS"PE"acigoL
ollecnacotatS islupmI
AnepOBnepOpotSarutrepaezzeruciSarusuihcezzeruciSHC/PAazzeruciS
osuihC atna'lerpA
arutrepa'leugesE
elaizrap
otte
ffenusseN
)otibiniNEPO(
ididnamociecsibinI
NEPO
otteffenusseN
ididnamociecsibinI
NEPO
otrepA eduihCollecnaclie
duihC
otteffenusseN
)otibiniNEPO(
otteffenusseN
idodnamocecsibinI
ongepmisidlaNEPO
.ces5opodeduihcir
idodnam
ocecsibinI
ongepmisidlaNEPO
.ces5opodeduihcir
arusuihcnI
otnemanoiznufliaccolB
ovisseccusla,ollecnacled
erp
aoslupmi
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolBotteffenusseN
ledotomlietrevnI
ollecnac
otnemanoiznufliaccolB
etr
evniongepmisidlade
arutrepanI
otnemanoiznufliaccolB
ovisseccusla,ollecnacled
erpaoslupmi
otteffenusseNotnem
anoiznufliaccolB
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
otteffenusseN
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
1=F0=d1=CelainimodnoC"D"acigoL
ollecnacotatS islupmI
AnepOBnepOpotSarutrepaezzeruciSarusuihcezzeruciSHC/PAazzeruciS
osuihC
eduihcireatna'lerpA
asuapidopmetopod
ela
izraparutrepa'leugesE
odneduihciratna'lled
asuapidopmetopod
otteffenusseN
)otibiniNEPO(
NEPOididnamociecsi
binIotteffenusseN
ididnamociecsibinI
NEPO
asuapniotrepA asuapidopmetaciraciRollecnaclieduihCotnemanoiznuflia
ccolBotteffenusseN
la,asuapidopmetaccolB
eduihcirongepmisid
.ces5opod
idopmetliaccolB
ongepmisidla,asuap
.ce
s5opodeduihcir
arusuihcnI
ledotomlietrevnI
ollecnac
otteffenusseNotnemanoiznufliaccolBotteffenusseNotomlietr
evnI
otnemanoiznufliaccolB
etrevniongepmisidlade
arutrepanI otteffenuffeNotteffenusseNotnemanoiznufliaccolB
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
otteffenusseN
otnemanoiznufliaccolB
ongepmisidlade
ednerpir
Timbro rivenditore: / Distributor’s stamp: / Timbre de l’agent: /
Sello del revendedor: / Fachhändlerstempel: /Stempel van de
dealer:
I0384 Rev.0
GENIUS s.r.l.
Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO-ITALY
tel. 0039.035.4242511
fax. 0039.035.4242600
www.geniusg.com
DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÁ
Fabbricante: GENIUS s.r.l.
Indirizzo: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO-ITALIA
Dichiara che:L'apparecchiatura elettronica BRAIN 03
•è conforme ai requisiti essenziali di sicurezza delle seguenti altre
direttive:
73/23 CEE e successiva modifica 93/68/CEE.
89/336 CEE e successiva modifica 92/31 CEE e 93/68/CEE.
Note aggiuntive:
questi prodotti sono stati sottoposti a test in una configurazione tipica
omogenea (tutti i prodotti di costruzione GENIUS s.r.l.)
EC COMPLIANCE DECLARATION
Manufacturer: GENIUS s.r.l.
Address: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO-ITALY
Declares that: the BRAIN 03 electronic
•complies with the essential safety requirements in the following EEC
Directives:
73/23 EEC and subsequent amendment 93/68 EEC.
89/336 EEC and subsequent amendments 92/31 EEC and 93/68 EEC.
Notes:
these products have been subject to testing procedures carried out
under standardised conditions (all products manufactured by GENIUS
s.r.l.)
DÉCLARATION CE DE CONFORMITÉ
Fabricant: GENIUS s.r.l.
Adresse: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO-ITALIE
Déclare que: L'appareillage électronique BRAIN 03
•satisfait les exigences essentielles de sécurité des directives CEE
suivantes:
73/23 CEE, modifiée 93/68 CEE.
89/336 CEE, modifiée 92/31 CEE et 93/68 CEE.
Note supplémentaire:
ces produits ont été soumis à des essais dans une configuration typique
homogène (tous les produits sont fabriqués par GENIUS s.r.l.)
Grassobbio, 1 Marzo 2004
L’Amministratore Delegato
D. Gianantoni
Grassobbio, 1 March 2004
Managing Director
D. Gianantoni
Grassobbio, le 1 Mars 2004
L’Administrateur Délégué
D. Gianantoni
DECLARACIÓN DE CONFORMIDAD CE
Fabricante: GENIUS s.r.l.
Dirección: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIA
Declara que: El equipo electrónico BRAIN 03
•Cumple los requisitos esenciales de seguridad establecidos por las
siguientes directivas CEE:
73/23 CEE y sucesiva modificación 93/68 CEE.
89/336 CEE y sucesivas modificaciones 92/31 CEE y 93/68 CEE.
Nota:
los productos mencionados han sido sometidos a pruebas en una
configuración típica homogénea (todo productos fabricado por
GENIUS s.r.l.)
Grassobbio, 1º de Marzo de 2004.
Administrador Delegado
D. Gianantoni
EG-KONFORMITÄTSERKLÄRUNG
Hersteller: GENIUS s.r.l.
Adresse: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIEN
erklärt: das elektronisch Gerät BRAIN 03
•den wesentlichen Sicherheitsbestimmungen folgender anderer EG-
Richtlinien entspricht:
73/23 EWG und nachträgliche Änderung 93/68 EWG
89/336 EWG und nachträgliche Änderung 92/31 EWG sowie 93/68
EWG
Anmerkung:
die o.g. produkte sind in einer typischen und einheitlichen weise getestet
(alle von GENIUS s.r.l. gebaute produkte).
Grassobbio, 1 Märs 2004
Der Geschäftsführer
D. Gianantoni
Le descrizioni e le illustrazioni del presente manuale non sono impegnative. GENIUS si riserva il diritto, lasciando inalterate le caratteristiche essenziali dell’apparecchiatura, di apportare in qualunque momento e
senza impegnarsi ad aggiornare la presente pubblicazione, le modifiche che essa ritiene convenienti per miglioramenti tecnici o per qualsiasi altra esigenza di carattere costruttivo o commerciale.
The descriptions and illustrations contained in the present manual are not binding. GENIUS reserves the right, whils leaving the main features of the equipments unaltered, to undertake any modifications to holds
necessary for either technical or commercial reasons, at any time and without revising the present publication.
Les descriptions et les illustrations du présent manuel sont fournies à titre indicatif. GENIUS se réserve le droit d’apporter à tout moment les modifications qu’elle jugera utiles sur ce produit tout en conservant les
caractéristiques essentielles, sans devoir pour autant mettre à jour cette publication .
Las descripciones y las ilustraciones de este manual no comportan compromiso alguno. GENIUS se reserva el derecho, dejando inmutadas las características esenciales de los aparatos, de aportar, en cualquier
momento y sin comprometerse a poner al día la presente publicación, todas las modificaciones que considere oportunas para el perfeccionamiento técnico o para cualquier otro tipo de exigencia de carácter
constructivo o comercial.
Die Beschreibungen und Abbildungen in vorliegendem Handbuch sind unverbindlich. GENIUS behält sich das Recht vor, ohne die wesentlichen Eigenschaften dieses Gerätes zu verändern und ohne Verbindlichkeiten
in Bezung auf die Neufassung der vorliegenden Anleitungen, technisch bzw, konstruktiv / kommerziell bedingte Verbesserungen vorzunehmen.
De beschrijvingen en illustraties in deze handleiding zijn niet bindend. GENIUS behoudt zich het recht voor om op elk willekeurig moment, en zonder verplicht te zijn deze publicatie bij te werken, de wijzigingen aan
te brengen die wenselijk geacht worden met het oog op technische verbeteringen of om andere redenen van technische of commerciële aard, waarbij de essentiële eigenschappen van de apparatuur ongewijzigd
blijven.
CE VERKLARING VAN
OVEREENSTEMMING
Fabrikant: GENIUS s.r.l.
Adres: Via Padre Elzi, 32
24050 - Grassobbio
BERGAMO - ITALIË
Verklaart dat: de elektronische apparatuur BRAIN 03
•in overeenstemming is met de fundamentele veiligheidseisen van
de volgende richtlijnen:
73/23/EEG en latere wijziging 93/68/EEG.
89/336/EEG en latere wijziging 92/31/EEG en 93/68/EEG
Aanvullende opmerkingen:
deze producten zijn onderworpen aan tests, in een homogene,
gebruikelijke configuratie (alle producten vervaardigd door GENIUS
s.r.l.).
Grassobbio, 1 maart 2004
De Algemeen Directeur
D. Gianantoni
/